RSS

Archivi tag: recensioni

Unghie che scricchiolano sugli specchi…

…e atteggiamento italian style: invece di fare ammenda e migliorare, ci si affretta a negare e a dare del bugiardo a chi riporta i fatti come li ha vissuti.

Sclero di Pasquetta non vi preoccupate, non è proprio nulla di che, non c’entra un cazzo con scrittura e racconti, è solo un ricciolo di nervosismo davanti all’ennesima faccia di bronzo che la vita mi ha messo davanti, qualcosa che non varrebbe manco la pena discutere…e invece no, discutiamone! Discutiamone dicendo che, se qualcuno ha in mente di farsi un weekend in Liguria, dalle parti di Cave di Lavagna, prossimamente o più avanti, potrebbe quel qualcuno dicevo, valutare questo mio parere e relativa risposta…e trarre le conclusioni.

*U-HU* il gufo di Trip Advisor plana sul blog! …potremmo pure inaugurare una rubrica di recensioni, che dite? ^_*

…certo che, uno racconta la sua esperienza e lo fanno passare per diffamatore: non c’è limite alla faciloneria <.< ma WTF?

 
2 commenti

Pubblicato da su 28 marzo 2016 in Recensioni

 

Tag: ,

Recensione: Dying Light

Non è che abbondi molto l’informatica qui sul blog, avrò scritto forse un solo articolo nel 2013…ma al momento ho molto tempo libero e devo occuparlo in qualche modo. Per questo oggi cambiamo un po’ genere, niente libri o agricoltura, ma qualche info su un titolo che ho appena finito di giocare…e che mi ha lasciato davvero soddisfatto: parliamo di Dying Light (d’ora in poi DL), survival horror di casa Techland uscito a Gennaio 2015, che non può mancare sullo scaffale degli amanti della soggettiva e della carne (marcia) spappolata.

Dying Light, titolo generico (nessuna luce muore nello svolgimento, in compenso ci sono un sacco di arti amputati *_*)  per un prodotto notevolissimo. Click per accedere al sito del gioco.

Leggi il resto

 
1 Commento

Pubblicato da su 25 agosto 2015 in Informatica, Recensioni

 

Tag: ,

Recensione: Il colore della magia

pratchett-1

“Il colore della magia” – Terry Pratchett

Credo che se fossi vissuto negli anni ’80 li avrei adorati. Vissuto, intendo dire, a vent’anni e non a sette. Avevano ancora il gusto della psichedelia e dei capelli lunghi dei sixties e dei seventies, ma erano già proiettati al futuro dell’elettronica, dell’informatica e del sintetico. Non sono un’era antica, gli ’80, hanno semplicemente anticipato e preparato la cultura di oggi, e la letteratura del periodo non sa di muffa e non è noiosa come molti pensano: è solo profondamente diversa da quello che possiamo trovare oggi. Parole diverse, un modo diverso di raccontare, in un contesto dove il fantasy era un terreno fertilissimo e molte idee non erano ancora state sfruttate (e sotto questo punto di vista, a sapere di muffa sono più le produzioni attuali :D), dove non c’erano gli ebook e i nomi degli elfi in un romanzo fantasy non ti facevano finire dal laringoiatra per complicazioni improvvise (né i suicidi logici delle trame dei giovani racc talenti dal neurologo).

“Colours of magic” , tradotta in italiano come “Il colore della magia”, è un’opera del 1983 scritta da quel genio ormai scomparso di Terry Pratchett, che adesso andremo a esaminare; la cosa sarà veloce perché il libro – alla sua decima rilettura o giù di lì, mi ha davvero conquistato, anche se non rappresenta certo l’opera perfetta di Tolkien o Brooks. Diciamo che si mette su un altro piano, con la pretesa – davvero ben riuscita entro i suoi limiti – di fare del fantasy che non si prende per niente sul serio. Il che non significa, occhio, fantasy stupido…

Leggi il resto

 
1 Commento

Pubblicato da su 19 luglio 2015 in Cose utili, Recensioni

 

Tag: ,

Recensione: il Riparatore

riparatore

Il Riparatore

Talvolta, facendosi una passeggiata nel sottobosco degli autori esordienti capita di imbattersi in qualcosa di notevole: può essere una notevole porcata, come quelle che ci hanno afflitto negli anni del boom del fèntasi (2004-2009), anni felici e spensierati in cui c’erano le mezze stagioni, i treni arrivavano in orario e la fuffosità gocciolava come caramello dagli scaffali delle librerie, sprofondando l’ignaro lettore nell’imbarazzo della scelta per quanto riguarda gli elfi dai nomi che al solo pronunciarli le corde vocali ti saltano via. O più raramente, può essere una storia notevole, ed è proprio questo il caso; per farla breve oggi parliamo del lavoro d’esordio di un autore sconosciuto, Elia Spinelli, pubblicato presso 0111 Edizioni e intitolato “Il Riparatore”. E vi preannuncio subito che non ci saranno prese per il culo, giacché non stiamo umiliando l’ultima fatica della regina del fèntasi italiano, ma solo commentando una storia piacevole, originale e molto godibile.

Leggi il resto

 
4 commenti

Pubblicato da su 26 giugno 2015 in Recensioni

 

Tag: , ,

Recensione: I Regni di Nashira 3 – Il Sacrificio (parte II)

Direi che il titolo si spiega da sé: e devo dire che mi aspettavo di peggio. Nell’ultima parte infatti il libro diventa buono. Piacevole. Leggibile. Questo non cancella le ingenutà e le cadute di stile della prima, e non elimina la linearità e la prevedibilità della trama, ma è onesto dirlo. Anche per questo non ho saputo tranciare un giudizio definitivo. Dovrete accontentarvi del voto alla fine.

Cominciamo dunque con un riassunto della puntata precedente, che direi si presta bene anche come cappello introduttivo: c’è Saiph che diventa Gary Stue e c’è Talitha che rimane Mary Sue; c’è Megassa che sembra un cattivo di Austin Powers e c’è Verba che ha scoperto, dopo la vocazione di muratore dei poveri, anche quella di talpone in cerca delle sue origini. Ci sono i Beati di Beata che vorrebbero passare tutto il tempo a farsi i cilotti con le foglie di Talareth e c’è il mondo che deve finire, e qualcuno deve pur provare a evitarlo. C’è soprattutto un libro che si salva in calcio d’angolo, come detto, e che se fosse stato scritto sin dall’inizio come nell’ultimo terzo, con il mostrato al posto giusto e la fuffosità che inizia finalmente a scemare, avremmo avuto a disposizione un prodotto finalmente e oggettivamente valido. Sarà per Nashira 4 a questo punto.

Riuscirà questo povero mariachi a ritrovare il sorriso prima della fine del libro?

Riassunti i fatti, damose con la roba nuova, che c’è ancora qualche secchiata di colaticcio da tirare su, prima di dire che il peggio è passato!

Leggi il resto

 
3 commenti

Pubblicato da su 6 aprile 2015 in Fuffosità, Recensioni

 

Tag: , ,