RSS

Archivi tag: conserve

Aggiornamenti dall’orto – il basilico

Oggi e per qualche giorno sul menù, le piante aromatiche, dato che di tutto il resto vi ho quasi insegnato tutto ciò che so (quasi d.d). Il primo candidato è il basilico, che nella cucina mediterranea non può certo mancare!

Verdi campi…di basilico! xD

Leggi il resto

 
1 Commento

Pubblicato da su 4 maggio 2015 in Agricoltura, Colture, Conserve, Cose utili

 

Tag: , , , , ,

Aggiornamenti dall’orto – il peperoncino rotondo

Oggi parliamo di una pianta minore, che sicuramente avrete già sentito nominare nonché assaggiato: chi non conosce i peperoncini rotondi ripieni? In una qualsiasi gastronomia ve li proporranno, ma vuoi mettere coltivarsi le piante e farseli da sé?

Peperoncini rotondi “bacio del diavolo”: da trattare con cautela! *_*

Leggi il resto

 
1 Commento

Pubblicato da su 28 giugno 2014 in Agricoltura, Colture, Conserve, Cose utili, Ricette

 

Tag: , , , ,

Aggiornamenti dall’orto – i pomodori

Salve, popolo! Il sole splende, le temperature sono in rialzo e i semi germogliano, se uno non avesse mille altri problemi sarebbe pure una bella giornata :P ad ogni modo, breve quanto inutile cappello introduttivo per parlarvi della seconda verdura che metteremo in produzione: il pomodoro.

Pomodori (non quelli del mio orto)

Leggi il resto

 
9 commenti

Pubblicato da su 8 marzo 2014 in Agricoltura, Colture, Conserve, Cose utili

 

Tag: , , , ,

Funghi: raccolta e utilizzo

Bene, sono reduce da una 3 giorni in provincia di Cuneo passata nei boschi, e grazie al cielo quest’anno la raccolta di funghi è stata soddisfacente: così ho deciso di fare un articolo in cui svelo alcuni dei miei segretucci, insieme a raccogliere qualche nozione utile per chi vuole improvvisarsi cercatore.
Se vuoi saltare subito alle ricette, espandi l’articolo e poi fai click qui.

  • N.B: se raccogliete qualcosa di velenoso, lo mangiate e poi tirate le cuoia, sono simpaticamente cazzi vostri :) io non mi sostituisco né ai libri di biologia, né alle guide alle varietà commestibili, né al vostro buonsenso.

Leggi il resto

 
1 Commento

Pubblicato da su 9 settembre 2013 in Conserve, Cose utili, Ricette

 

Tag: ,

Pesche sciroppate

Settembre è un mese tranquillo, per quanto riguarda la semina; invece è tradizione dedicarlo alla preparazione di conserve e marmellate: qui da me vanno per la maggiore le prime, le seconde, invece, hanno iniziato a essere poco gradite perché dopo la sorpresa iniziale il barattolo inizia a girare dentro e fuori dal frigo fino a quando non si copre di una gloriosa muffa blu (i più intraprendenti sviluppano anche capacità locomotorie). Vale a questo proposito l’accorgimento aureo di fare dosi piccole, anche se non sempre è possibile…

Quella che vi propongo è una conserva facile da realizzare, di cui in rete si trovano migliaia di varianti; per preparare le pesche sciroppate come le facciamo noi, vi servono delle pesche percoche (o delle pesche-noci) in misura di 1kg e mezzo, 700ml di acqua e 400g di zucchero.

  •  Ovviamente la quantità di zucchero va a gusto…
  • Prima di procedere, abbiate cura di preparare una grossa marmitta e degli stracci…

pesche sciroppate

La preparazione è semplice: lavate e poi scottate le pesche per 2 minuti in acqua bollente, scolate (come fosse pastasciutta) e raffreddate sotto l’acqua; quindi spellate, tagliate a metà (opzionalmente in 4) e snocciolate. Invasate in barattoli di vetro Bormioli – quelli cal. 70-86 vanno benissimo, se li prendete più bassi farete porzioni più ridotte; non usate i mignon perché dal buco non ci passano i pezzi xD – e poi preparate lo sciroppo come segue: fate bollire l’acqua e sciogliete lo zucchero, tenete a ebollizione per 5 minuti, quindi versate nei barattoli, fate uscire eventuali bolle d’aria con una forchetta (non sapete quante conserve ha buttato via mia madre, dimenticandosi di questo passaggio!) e, per finire, chiudete saldamente.
Adesso riempite la marmitta precedentemente preparata con i vostri barattoli, bene avvolti e inframmezzati dagli stracci, poi coprite d’acqua, accendete il fuoco e portate a ebollizione; mantenete il bollore per 20 minuti, spegnete, lasciate raffreddare e togliete i barattoli.

Le vostre pesche sciroppate sono pronte, da consumarsi preferibilmente entro l’anno ;).

 
2 commenti

Pubblicato da su 2 settembre 2013 in Conserve, Ricette

 

Tag: ,