RSS

Archivio mensile:aprile 2016

Stagione 2015/2016…

…direi che abbiamo iniziato, e questo sarà un articolo ad elevato contenuto di puntini di sospensione xD io dico che c’è tutto, non sembra proprio manchi nulla…

lavoro2

…qui i lavori degli ultimi tre giorni (principalmente di sera/notte, con l’inquinamento luminoso che ho, sembra d’essere di giorno <.<‘)…

lavoro1

(quelle sotto il TNT sono carote a spaglio, quest’anno voglio vedere se è meglio così; dietro fagioli, dietro ancora coste, a destra crisantemi per Ognissanti e spinaci – credo siano più utili i secondi che i primi, ma io sono blasfemo d.d)

…abbiamo pure l’avvistamento di una belva feroce in prossimità della serra! :D

feroce

Maaaaaauuuu…+___+

Si, direi che possiamo partire ;)

 
2 commenti

Pubblicato da su 12 aprile 2016 in Agricoltura, Colture, Fuffosità

 

Tag: , ,

Chiedilo a Cal #11 – Ne è passato di tempo…

…e voi bestie avete scordato tutto. O magari manco avevate imparato bene; ecco, uno non può mettersi un attimo a farsi crollare la vita addosso a fare il prof che qui si dimenticano le basi <.<”’ dunque con ordine:

solco

…giustappunto…

come fare i solchi tondi per le zucchine

…really? Vabè che io non dovrei dire :P a seconda della profondità (15-25cm per le patate, 10-15 cm per pomodori, peperoni, porri e finocchi, profondità non paragonabili per piselli e fagiolini) ti servirà uno strumento proporzionato: tipo una zappa per quando ti serve un calibro piùà grande, e una zappetta o addirittura una palettina se devi soltanto fare il solletico alla terra come un bravo cittadino che prova a fare l’orto ^_^ (moron :P) e già che ci siamo, prova a dare un’occhiata qui se vuoi ripassare qualcosa…sulla fiducia, non le ricarico queste pagine, manco per modiicarle: troppo vecchie e alcuni commenti fanno male come scritti ieri :)

Comunque potresti volerti avvalere di una guida per andare dritto nel tracciare il solco, operazione che si fa via via più difficoltosa aumentando le dimensioni dell’attrezzo (happyfaic …scusate xD): tendere una corda fra picchetti opposti, se non altro, aiuta a non farti sembrare un bracciante ubriaco con chi guarda il tuo orto dall’alto dei palazzi d.d

Proseguiamo!

si puo posizionare il compost su mattoni

Si, anzi: dovresti; sia per favorire lo sgrodo del percolato e il circolo d’aria, sia per evitare l’insorgenza di muffe o l’annidamento dei ratti (anzi, tenere lì vicino qualche cabina del suicidio per roditori non guasta mai :P). E già che ci sei, da’ un’occhiata qui e ricordati di sminuzzare bene i resti da compostiera! Solo i cittadini buttano nel compost le bucce di banana intere, che dopo un anno non si sono ancora disfatte! :D

Leggi il resto

 
 

Tag: , , ,

Friend, come here

Friend, come here,

give me your humming sweetness,

soft hair to brush,

and big summer moons circled in blue to stare.

Friend, come here, let me love you.

Leggi il resto

 
2 commenti

Pubblicato da su 9 aprile 2016 in Scraps of Poetry, Scrittura

 

Tag: ,

Early leaves gone bad? =(

So,

have your freshborn green leaves

already withered, my dear?

Young deadwood perhaps

still holds strenght, and willings to talk.

But never beg, nor will last.

Nulla non preoccupatevi, solo una cosa. E la dimostrazione che con roba diversa dalla narrativa non ci so proprio fare xD sento triste adesso, poi però passa :).

 

 
1 Commento

Pubblicato da su 7 aprile 2016 in Rabbia, Scraps of Poetry, Scrittura

 

Tag: , ,

Didimo – la legge del cuore

Nulla :) se vi interessasse, “Didimo – la legge del cuore” è disponibile su Amazon, qui. A breve (=quando riesco/mi va) aggiornerò il menù qui a fianco e magari metterò qualcosa sull’editore e sulle iniziative che promuove per gli esordienti (link in giallo qua a destra). Le recensioni mi fanno comodo, quindi se qualcuno tra i miei contatti che l’ha letto free e gli è piaciuto, mi raccomando ^_* come sempre il genere è Western…strano, con una spolverata rosa in più a questo giro: una storia weird di sabbia, dovere, dubbio e rimorso, la iniziai in un periodo ancora felice della mia vita, dove però avevo intuito che le cose si sarebbero guastate…e conclusi quando, appunto, tutto era già compromesso. Marzo 2013 – Giugno 2014. Il finale alternativo – il “what if” – rimarrà dentro dentro la mia mente e nessuna forza al mondo mi convincerà a scriverlo.

…comunque sia, dimenticavo: la copertina l’ho fatta io con Photoshop e InDesign, la base è una mia foto del deserto del Namib scattata nell’Agosto 2008; mi era pure girato di fare un wallpaper, questo qui (click sopra per la versione originale) e…mi piace pensare che qualcuno oltre me ce l’abbia sul desktop :P

didimo

E bon, questo è quanto; adesso ho per le mani Acque Profonde, non mi sta venendo proprio come voglio e non so se mi va di continuarlo ma il motivo non è questo: se penso all’intreccio che ho in mente mi passa la voglia, mi servirebbero tempo e tranquillità che in questo momento non ho.

 

Tag: , , , ,