RSS

Una estate poco estiva

23 Set

Non starò a dire perché aggiorno poco il blog (cazzi miei), comunque: oggi è l’equinozio d’autunno e un’altra stagione se n’è andata. Togliamo gli zucchini rosi dal mal bianco e neri di pidocchi; togliamo pomodori e peperoni su cui peronospora e botrite hanno lasciato il segno, ma tutto sommato qualcosa si è raccolto. Malediciamo l’umidità e la siccità, il tempo che cambia e le mezze stagioni che si ricordano di esistere per un giorno e se ne dimenticano per una settimana, mentre mietiamo il nostro raccolto più o meno magro e lavoriamo la terra per il prossimo giro, per l’insalata, per i finocchi, i cavoli e i cavolfiori. E così si ricomincia.

L’avvicendarsi delle stagioni è una delle poche certezze di questa vita, ed è parte delle origini che abbiamo dimenticato. Io un tempo le sentivo, mi ricordo quanto ero irrequieto prima dell’equinozio d’estate, quanto attendevo quello d’autunno, come adoravo il lento addormentarsi della terra verso il solstizio d’inverno, e le feste che portava, o viceversa il suo risvegliarsi progressivo che culminava in quello d’estate, che associo a immagini di sole e di calore, e di colori come in una vecchia pellicola super8 (e quando ci penso, questa è, senza nessun motivo particolare, la musica che mi viene in mente insieme ai vecchi successi di Alexia e Bumble Bee: abbastanza malato, vero?)

Quest’estate l’estate non c’è stata: non c’è stata quella meteorologica e non c’è stata quella contadina, e nemmeno c’è stata l’estate intesa come il periodo di riposo e spensieratezza, almeno per me. Ho paura se ci penso, a riconoscere che non do più la stessa importanza all’avvicendarsi delle lune e delle stagioni. Anche Settembre è volato via, e pure se è il mio mese preferito, non mi ha dato emozioni quest’anno. Non lo so, è…strano.

Per coloro ai quali interessa, qui c’è l’opera con cui mi sono candidato a un contest letterario promosso da Wired e gli organizzatori di Lucca Comics: è il racconto “Shar e la tigre” che postai questa primavera, ma anche soltanto un click sul nome (e un passaparola) mi farebbe comodo, dato che mi alzerebbe le visualizzazioni. Non mi faccio alcuna illusione, comunque.

Come altra cosa degna di nota, Lettere Animate mi ha proposto un contratto editoriale per la pubblicazione in digitale del mio romanzo breve “Una stella nella polvere”, di cui c’è il prologo – naturalmente in versione datata – qua sul sito. La storia è un Western abbastanza spaghetti, l’ispirazione è lo sparatutto “Call of Juárez: gunslinger” e naturalmente ci sono elementi di azione ignorante, introspezione filosofica e, tanto per non farci mancare un cazzo, citazioni da quello che sapete bene (no, Chase NON è Roland e neppure Silas, ma potrebbe essere il gemellante di uno, dell’altro…o di entrambi: non ci sono forse altri mondi oltre a questo?). Mi faranno l’editing, il booktrailer, la copertina e mi passeranno all’incirca il 25% della fuffa guadagnata: altrettanto naturalmente ho accettato prima che cambiassero idea. Vediamo come va; nelle condizioni contrattuali non se ne fa menzione, ma se me lo permettessero non avrei problemi a passare l’ebook gratis a chi me lo chiede per mail.
…diciamo ai primi 20, si? :P

Lunghi giorni e piacevoli notti. Magari fosse sempre così…

Per finire, se tutto va bene da ottobre mi metto a fare il contadino: ho un corso sulla lista, chissà che da Settembre prossimo le cose non inizino a cambiare per il meglio?

Alla prossima.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 settembre 2014 in Generale

 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: