RSS

Intrecciare le cipolle

20 Lug

Luglio e Agosto sono i mesi in cui tradizionalmente si raccolgono le cipolle: si tratta di elementi relativamente delicati, che vanno gestiti nel modo opportuno per evitare il più possibile che marciscano (e mettendo in conto, naturalmente, l’insorgenza di qualche perdita). Una conservazione corretta delle cipolle garantisce la loro sopravvivenza fino alla stagione successiva, evitandoci di doverle comperare

Per prima cosa, è necessario partire da bulbi che siano già stati fatti asciugare nonché ripuliti dai residui di terra (attenzione a non spellarli, quando scrostate le ultime tracce: il frutto si guasta!); dopodiché, in giro su Internet si trovano svariate fonti con indicazioni per immagini, ve ne propongo alcune…

FILO PENDENTE

1) Appendere a un punto alto una corda o uno spago robusto lungo circa un metro e mezzo. Intrecciate sommariamente tra loro gli steli di 4 o 5 bulbi, e legateli al capo pendente della corda in modo che con il loro stesso peso la tengano ben tesa.

2) Prendete uno per volta gli altri bulbi, e arrotolate lo stelo due volte attorno allo spago facendo passare il capo sotto il giro, come a fare mezzo nodo. Stringete bene lasciando uno spazio tra la legatura e il bulbo, in modo che questo si collochi a circa 5 cm dalla corda, in modo da lasciare spazio anche per gli altri bulbi che aggiungerete

3) Distribuite i bulbi circolarmente attorno alla corda in modo equilibrato, facendo sì che la treccia risulti bilanciata. Per prelevare i bulbi da usare in cucina cominciate dall’alto, eventualmente tagliando gli steli.

…ecco fatto, abbiamo finito! (fonte: http://coltivarelortoabc.myblog.it)

TRECCIA SUCCESSIVA E SCUBIDÙ

Variante sul tema, sempre considerando un filo appeso: facciamo le cipolle a mazzetti di tre, legando le infiorescenze intorno al filo medesimo con un giro di fil di ferro, fino ad arrivare in cima. Utile per chi ha manualità vicina allo zero assoluto.
In altrernativa possiamo metterci ad intrecciare le infiorescenze proprio come se stessimo facendo uno scubidù; segue tutorial fotografico a prova di mentecatto (forse giusto qualche scrittore di fèntasi italiano non riuscirebbe a starci dietro…).

Dunque dunque, procuriamoci per prima cosa due cipolle (nelle foto son tutte bionde, mi piacciono le bionde!) e incrociamo le infiorescenze:

treccia_cipolle1

…per semplicità ho marcato i capi con dei numeri, per la vostra comodità d.d a questo punto, incrociate il capo 1 col capo 2 facendo passare il primo sotto il secondo e il secondo sopra il primo:

treccia_cipolle2

Ci siete tutti? Adesso prendete una terza cipolla e posizionate la sua fiaona in mezzo ai capi incrociati: nella figura l’ho etichettata col numero 3.

treccia_cipolle3

(notare sullo sfondo i miei peli da nostromo d.d) adesso fate passare il capo 2 sopra il capo 3 e il capo 1 sopra il capo 2:

treccia_cipolle4

…dovreste vedere, come in figura sotto, un abbozzo di treccia in formazione. Mi raccomando la delicatezza – non state maneggiando del fil di ferro, le infiorescenze, specie se ben secche, tendono a sfaldarsi facilmente – e i bestemmioni. A questo punto dovrete semplicemente ripetere la procedura: ogni nuova infiorescenza va posizionata fra due infiorescenze già annodate, quindi intrecciata alle medesime passando i capi laterali uno sopra e l’altro sotto! Ecco la situazione con cinque capi:

treccia_cipolle5

Naturalmente non è importante mantenere rigorosamente un ordine destra-sinistra nell’incrocio, basta che l’accrocchio regga; inoltre è bene cercare di distribuire le cipolle riempiendo i “vuoti”, senza tenerle tutte dalla stessa parte!

  • quando vedete che una regione della vostra treccia è più sguarnita, posizionate lì le nuove cipolle e intrecciate come ormai dovreste aver capito…

Allorché la treccia diventa spessa, raggruppate le infiorescenze che spuntano dall’alto, prima in due fasci, che incrocerete…

treccia_cipolle6

…e poi in tre, che intreccerete proprio come avete fatto col le infiorescenze singole!

treccia_cipolle7

Li vedete, nella foto, i tre fasci incrociati? Le nuove cipolle andranno infilate fra gli stessi e intrecciate secondo il medesimo schema, sempre facendo attenzione a non strappare tutto sul più bello! La tecnica è più difficile a spiegarla che a metterla in pratica, ciò non toglie che le prime volte verranno fuori delle cagate siderali, ma col tempo e la pratica riuscirete a produrre risultati accettabili…;)

^_________^

^_________^

Ora prendete un pezzo di rafia, o di fil di ferro, date un bel giro alla vostra treccia, e poi tagliate le infiorescenze che spuntano da sopra con un paio di robuste forbici da giardiniere. La treccia a questo punto potrà venire assicurata, con un pezzo di spago, ad un qualsiasi sostegno idoneo alla conservazione, e a tal proposito…

Il luogo di conservazione deve essere fresco, in ombra e il più possibile asciutto. Una cantina va bene, ma soltanto se è sana e non ci passano i tubi dell’acqua (d’inverno la temperatura si alzerebbe troppo); in alternativa, un sottoscala o il fondo di un garage vanno ugualmente bene, fatte salve le condizioni di cui sopra. Pergolati e rimesse degli attrezzi sono altre soluzioni possibili, nell’ultimo caso, però, facciamo attenzione ai topi…

trecce_cipolle_fine

Le trecce di cipolle andranno appese in modo da evitare qualsiasi contatto con altre superfici, assolutamente non sbatacchiate nel corso del processo, e monitorate periodicamente in modo da identificare eventuali frutti marcescenti, che andranno tempestivamente rimossi per evitare che trasmettano il marciume alle altre! Le cipolle parzialmente marce possono venire mondate della parte guasta, tagliate a tocchetti e conservate in freezer: non sarà la stessa cosa di quelle fresche, ma almeno non le avremo sprecate!

 
1 Commento

Pubblicato da su 20 luglio 2014 in Agricoltura, Cose utili

 

Tag: ,

Una risposta a “Intrecciare le cipolle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: