RSS

Archivio mensile:aprile 2014

Il VOV casalingo

Chi non lo conosce, il VOV? Liquore all’uovo energizzante e gustoso tutto italiano, la cui storia inizia una quindicina di anni prima dell’Unità e raggiunge il suo apice di successo negli anni ’60 e ’70, si può preparare facilmente anche in casa a patto di essere lievemente permissivi sulla ricetta, dato che in alcuni passaggi la stessa può urtare i caratteri più sensibili (diciamo che è al livello di una pozione di Severus Piton – capito pata? :P)

Pubblicità d’epoca del VOV Pezziol (seconda metà dell’800): i polli antropomorfi sono semplicemente inquietanti (se non altro perché stanno bevendo un macerato dei loro stessi feti!) ma credo che il Duca ucciderebbe per questo tipo di arte.

Leggi il resto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19 aprile 2014 in Ricette, Spiriti

 

Tag: ,

Aggiornamenti dall’orto – il limone

Anche se non è propriamente una pianta da orto, oggi parliamo di lui: il limone (Citrus Limon) è un agrume domestico originario del Sud-Est asiatico – si pensa venisse coltivato in Cina già nel 950 d.C, in Assam e in Myanmar – da cui si diffuse prima in Medio Oriente (Persia, Iraq, Egitto) come pianta ornamentale, e da lì nell’area Mediterranea a partire dalla Sicilia dove, nel Decimo Secolo, venne avviata la prima coltivazione di limoni del Vecchio Continente. In cambio delle numerose varietà che abbiamo rubato che abbiamo importato dalle Americhe, inoltre, Colombo per primo diffuse la specie del limone portando con sé i semi in occasione del suo viaggio del 1492, contribuendo alla propagazione globale di questo ottimo frutto, sinonimo metonimico di acidità presente quasi in ogni frutteto che si rispetti.

Un limone. La sua storia è millenaria. E guardate com’è giallo! *____*

Leggi il resto

 
5 commenti

Pubblicato da su 19 aprile 2014 in Agricoltura, Cose utili

 

Tag: ,

Segnalazione – Gli Dei di Mosca

A quanto pare Vaporteppa, la collana del Duca, ha fatto uscire il suo primo libro. Trovate l’articolo qui, e di sicuro saprete rintracciare il link per il contenuto vero e proprio nel sito.

Sembra interessante, almeno a giudicare dalla trama, anche se non credo che mi metterò a leggere qualcosa di questi tempi. Io sono uno che vuole scrivere, non leggere roba d’altri. Ma la copertina è disegnata bene e, ripeto, la trama pare interessante.
E piuttosto che consigliarvi di leggere Pandora di Licia Troisi mi amputo le mani e le vendo al kebabbaro Alì in cambio di uno sconto sugli acquisti futuri.

Ok finite le marchette per ora.

 
1 Commento

Pubblicato da su 18 aprile 2014 in Scrittura, Uscite

 

Tag: ,

Torta di nocciole

Dunque dunque, in questo preciso istante mi sto immaginando la mia ragazza che affetta un cetriolo col sottofondo di DJ Antoine – Ma Chérie e di conseguenza non ho nulla da fare (in realtà ne avrei…ma non ne ho un cazzo voglia…sarà il cambio di stagione :P) dunque ho deciso di regalarvi la ricetta di una delle prelibatezze di casa nostra, che ha stupito pure un amico cuoco che cucina da anni in un rinomato ristorante di Carmagnola. Trattasi di una delicatissima torta di nocciole al cacao amaro che non mancherà di farvi meritare i complimenti dei vostri commensali, e che oltretutto non richiede neppure una preparazione troppo elaborata.

La torta si presta inoltre ad alcune piccole varianti, come base per degli altrettanto ottimi brownies, o come sostituto ricco del pandispagna se deciderete di cuocerla in una teglia più stretta di quella che vi consiglierò, per poi tagliarla in due (la torta, non la teglia, capre!) e guarnirla con marmellata all’arancia o creme di vostro gusto. Dipende soltanto da voi. E ora andiamo a incominciare.

leggi il resto

 
1 Commento

Pubblicato da su 14 aprile 2014 in Dolci, Ricette

 

Tag:

Aggiornamenti dall’orto – la zucca

Dopo lo zucchino, è venuto il momento di mettere nell’orto qualche zucca. Originarie come i loro fratelli minori dell’America Centrale, le zucche fanno parte della famiglia delle cucurbitacee e sono declinate in moltissime cultivar differenti, non tutte commestibili e alcune davvero rare per la gioia dei cripto-orticultori.

Della zucca potete mangiarvi tanto i semi, tostati e salati, quanto la polpa, in genere arancione, succosa e profumata nelle differenti varietà, che trova impiego in minestre, zuppe, risotti, dolci e pasta fresca; un frutto, in definitiva, molto versatile e decisamente variegato, che troppo spesso identifichiamo con la classica “cucurbita di Halloween” perdendoci molto in quanto a scelte e sperimentazioni.

Giacomo Lanterna (Jack ‘o Lantern) noto spettro del folklore popolare nel triangolo Bardassano-Faule-Scalenghe: ispirato dai fumi dell’aglio e del barbera, è qui ritratto in una Cucurbita Maxima qualsiasi. C’è così tanta varietà in giro, perché limitarci a lui?

Leggi il resto

 
4 commenti

Pubblicato da su 12 aprile 2014 in Agricoltura, Colture

 

Tag: ,

La PiadaBurger: una cena diversa dal solito e decisamente appetitosa!

Questa ricetta me la sono inventata l’altra sera, per sgomberare il frigorifero da un po’ di avanzi: c’era ancora un pezzo di piadina che era lì per prendere la residenza, della carne tritata che ancora un po’ resuscitava come zombovino, dei salumi del giorno prima e del formaggio che sapeva di calzini di Usain Bolt (ma il gusto non era niente male, come direbbe un francese: plus il empeste, plus il taquine! *_*)

Dunque, per preparare questa idea del sottoscritto (magari con ingredienti più freschi) avrete bisogno di:

  • mezza piadina precotta
  • 150-200 grammi di carne tritata da sugo (o da insalata se volete trattarvi al meglio. La polpa di salsiccia è il top, in alternativa va anche bene un hamburger già pronto, ma il tal caso sappiate che sarà shame on you™ perché avrete scelto una indegna scorciatoia!)
  • una fetta di pancetta o prosciutto
  • una sottiletta, o fetta di formaggio qualsiasi variabile tra il brie e la toma (più puzza più stuzzica, biturrrrbo! @___@)
  • aglio, olio e alloro q.b

Leggi il resto

 
4 commenti

Pubblicato da su 6 aprile 2014 in Ricette

 

Tag:

Il macerato d’equiseto

Il macerato d’equiseto è, come nel caso del più conosciuto macerato d’ortica, un fertilizzante naturale e un antisettico insieme, particolarmente indicato per contrastare l’insorgere delle malattie fungine. La sua componente principale, come i meno diversamente astuti fra voi avranno già capito, è l’equiseto, pianta arbustiva perenne nonché decisamente infestante ad elevata diffusione naturale: cercatelo sulle scarpate, lungo i corsi d’acqua, presso i canali e ai bordi delle strade di campagna nei mesi estivi più caldi (Giugno, Luglio e Agosto). Più o meno è fatto come un bambù con gli aghi di pino, non potete sbagliare.

Equiseto selvatico

Leggi il resto

 
3 commenti

Pubblicato da su 6 aprile 2014 in Agricoltura, Cose utili, Rimedi naturali