RSS

Il macerato d’ortica, questo sconosciuto

15 Mar

Uno dei principali problemi di chi tiene un orto ed è attento alla componente “bio” dei suoi prodotti è la minaccia di malattie e parassiti; premesso che questo problema non lo risolvono nemmeno le aziende agricole che coltivano su estensioni di ettari, ma lo contengono soltanto (con un uso esagerato, a mio parere, di chimica e derivati) è possibile, dicevo, per noi piccoli coltivatori prevenire ed arginare queste piaghe con tutta una serie di rimedi naturali…che non saranno efficaci al 100%, ma di certo più sani dell’utilizzo sfrenato di pesticidi e fitofarmaci!

Quella di cui vorrei parlare in questo breve articolo è una panacea che conoscevano già i nostri vecchi, che prende il nome di macerato d’ortica; come potete intuire, la protagonista della pozione è lei:

Ortica (Urtica Dioica): non datele troppa confidenza o vi ripagherà con del sano dolore.

Il macerato d’ortica è un blando antisettico ad ampio spettro, oltreché un fertilizzante naturale per le nostre piante; possiamo utilizzarlo per contrastare gli attacchi di afidi e ragnetti rossi, per disinfettare il terreno prima della messa a dimora in pieno campo delle piante, e allo stesso tempo per favorire lo sviluppo vegetale stimolando la crescita delle radici e quello dei frutti: potete immergere le piante col pane di terra nel macerato d’ortica prima di trapiantarle o metterle a dimora, e irrorare il terreno con il preparato, mediante uno spruzzino, a intervalli regolari di tempo. Possiamo persino utilizzare il macerato per accelerare la maturazione del compost versandolo puro nella compostiera! Il prodotto è estremamente versatile, come tutti i rimedi naturali

PREPARARE IL MACERATO D’ORTICA

Prepareremo il macerato d’ortica con piante raccolte in estate (la stagione migliore per curare la terra e fare sesso, dico io) utilizzando l’intera pianta, fusto e foglie; è anche possibile essiccare la pianta in modo da avere a disposizione il materiale per la pozione anche durante i mesi primaverili o tardo-autunnali.
Per quanto riguarda le dosi, indicativamente avremo bisogno di:

  • 1 litro d’acqua
  • 1 kg di ortiche fresche, o 200 grammi di ortiche secche

Preferibilmente utilizziamo acqua piovana per la preparazione, in modo che non abbia cloro al suo interno (ma soltanto se abitiamo in zone non eccessivamente inquinate): versiamola dentro un recipiente non metallico, quindi chiudiamo le ortiche in un sacco di tela o di iuta prima di immergerle, in modo da favorire il filtraggio del preparato. Copriamo il macerato con una retina, zanzariera, foglio di rete antigrandine, un qualsiasi mezzo traspirante (non deve assolutamente avere un coperchio ermetico!) e posizioniamolo in luogo aperto, lontano dal sole diretto ma comunque in grado di ricevere il Suo calore.

La preparazione del macerato in un’immagine iconica (fonte: ainhoainsardinya.altervista.org)

I tempi di maturazione del macerato d’ortica oscillano intorno alle 2 settimane per l’uso come fertilizzante antisettico, e alle dodici ore come antiparassitario; se desideriamo usarlo per concimare, dovremo, dopo averlo filtrato, diluirlo in 15 parti d’acqua (= 1LT di macerato in 15LT d’acqua) e spruzzarlo sul terreno, o annaffiare direttamente se siamo nella fase preparatoria del medesimo. Se invece abbiamo problemi di afidi o ragnetti rossi lo spruzzeremo puro sulle aree infestate delle piante e guarderemo gli insetti morire con enorme soddisfazione *______*

  • i trattamenti e le annaffiature, come (forse) avevo detto nell’articolo sulla gestione delle colture, devono avvenire la mattina presto – o comunque in assenza di sole diretto che picchi sulle foglie per almeno un paio d’ore – preferibilmente in periodi in cui, per un paio di giorni, non sia prevista pioggia all’orizzonte.

CONSERVARE IL MACERATO D’ORTICA

Il preparato filtrato, per essere conservato, va addizionato di aceto al 4% del volume totale; lo conserveremo quindi in fusti (o bottiglie, se parliamo di piccole quantità) che andranno mantenuti ben chiusi. Il periodo di conservazione del macerato è intorno ai diciotto mesi.

 
2 commenti

Pubblicato da su 15 marzo 2014 in Agricoltura, Rimedi naturali

 

Tag: , ,

2 risposte a “Il macerato d’ortica, questo sconosciuto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: