RSS

Archivio mensile:dicembre 2013

Quel pasticciaccio brutto di Lampedusa

PREMESSA: tu NON vuoi leggere quello che segue, quello che segue è un pensiero NON condivisibile, che ti porterà a farti strane idee, a pensare che io abbia un qualche ben preciso orientamento politico o parte che dir si voglia (mentre il sottoscritto sta da un’unica parte, vale a dire la sua).
Per questo motivo ti invito a NON leggere. Fai un favore a te stesso, conserva di me una immagine neutra, accontentati delle recensioni, delle ricettine e delle stronzate che pubblico saltuariamente, e NON seguirmi in un ragionamento che non condividerai, perché sono certo che sarà così.

"...capito cocco?"

“…capito cocco?”

Se invece scegli di leggere, beh…sono cazzi tuoi :)

Leggi il resto

 
1 Commento

Pubblicato da su 20 dicembre 2013 in Generale

 

Tag:

Esordienti, appassionati e brutta gente del genere #2

Salve, mentecatti! ^__________^ vi va un altro giro di menate direttamente dalla sezione “Libri e Autori” delle Y! Answers? Lo prendo come un si :P come al solito, se le idiozie vi indispettiscono e le volgarità vi fanno orrore (“oVVove oVVove, dei popolani, quale volgaVità! ç__ç“) siete pregati di non proseguire.

Leggi il resto

 

Tag: ,

Recensione: Tommyknockers – le creature del buio

Tommyknockers – le creature del buio
(ed. Sperling Paperback, lingua originale)

Al momento ho due titoli in sospeso da leggere: Hunger Games della Collins, e Primus, l’uomo che sognava di vivere gentilmente inviatomi dall’autore Massimo Valentini. Il libro oggetto della recensione lo (ri)lessi mesi addietro, poi per una cosa o per l’altra lasciai in sospeso la recensione che vado adesso a pubblicare. Sarà una recensione corta, come per tutti i titoli verso i quali nutro ammirazione incondizionata.

Dunque dunque, quanti di voi sono appassionati di Stephen King? Io personalmente adoro i suoi lavori degli anni ’70-’90 anche se ultimamente l’ho un po’ perso di vista: è diventato commerciale, per usare un termine del mondo della musica, ed è un vero peccato perché fino a tre-quattro decadi addietro i suoi libri erano pezzi da novanta, mai perfetti al 100% nello stile (ne Il Talismano ad esempio, altro capolavoro visionario, di frasi e costruzioni infelici ce ne sono un bel po’) ma capaci di staccarti – scollegarti – dalla realtà. Sarà perché li lessi da ragazzino, ma è a loro che associo il mito del Re dell’horror (anche se io penso che una volta passata l’età della ragione nessun libro possa più farti cagare in mano).

Leggi il resto

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 dicembre 2013 in Recensioni

 

Tag: , , ,

Pubblicare romanzi a puntate #2

Piccolo intervento per segnalare una cosa rapidissima: per caso mi sono imbattuto nella tale Lettere Animate editore, che da quanto leggo, attualmente pubblica soltanto serial books, vale a dire i volgarmente detti romanzi a puntate. La Casa si muove prevalentemente in digitale, anche se nel sito viene citato il cartaceo (non ho capito se sia print on demand o che altro) e riceve pubblicazioni a episodi (non so se si possa inviare un libro intero e concordare una suddivisione, probabilmente si, è una delle cose da chiedere) nei generi fantascienza, fantasy, thriller e narrativa erotica. Compensa con 45 centesimi di €uro ogni episodio…quindi lo fa pagare almeno il doppio al pubblico.

  • non sono presenti altre clausole – né di garanzia né di strozzo – nell’area pubblica: nello specifico non si fa menzione di vincoli alla Casa stessa per tot di tempo, salvo la specifica che viene offerto un contratto editoriale se si incontra il loro interesse, e il fatto che rispondano anche in caso negativo: tutte info consultabili dalla pagina di invio dei manoscritti o dalle FAQ. Come sempre informarsi prima al loro indirizzo è la politica migliore.
  • inoltre non chiedono contributi per la pubblicazione, il che è un eccellente punto a favore del loro lavoro.

Io…boh, non so, il fatto che lavorino solo in digitale mi fa specie, io sono uno all’antica su queste cose x.x se avesse avuto una pubblicazione, appunto, cartacea alle spalle mi avrebbe quagliato di più. Probabilmente scriverò la solita lettera di richiesta informazioni e aspetterò di sentire ciò che mi viene detto; forse addirittura, dato che hanno un sito/blog su tumblr, l’eco di questo intervento arriverà fin là :P

Se mi ispirano e non fanno contratti Salgari-style, potrei pure inviargli la mia ultima storia, quella corta, e vedere che succede.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 dicembre 2013 in Cose utili, Scrittura

 

Tag:

Mi ero ripromesso all’apertura di questo blog, di non parlare di politica né di ideologia perché in buona sostanza io non sono né di destra né di sinistra, né fascio né compagno, io seguo solo una parte, che è la mia. Sono passati appena tre mesi e già ci ripenso, e va beh, le promesse sono fatte per essere infrante, dopotutto.

Oggi l’italia (notare la lettera minuscola, non è un errore, è pienamente voluta) è paralizzata dallo sciopero del Movimento 9 Dicembre – o dei forconi –  e Torino è capofila nella lotta e negli scontri di piazza.
Il sottoscritto pensa che questa protesta, per quanto non servirà nella pratica ad un cazzo, sia sacrosanta.
Il sottoscritto, andando contro il pensiero politicamente corretto di condanna a prescindere, pensa che in alcuni casi – quando ogni altra cosa fallisce e si è all’ultima spiaggia – la protesta violenta e adeguatamente indirizzata sia non soltanto adeguata, ma addirittura doverosa per riaffermare principi e diritti calpestati con il sorriso sulle labbra da chi ha la poltrona e il culo al caldo, e si preoccupa soltanto di mangiare fino a scoppiare.

Il sottoscritto non perderà il sonno al pensiero che 14 (solo 14?esponenti delle forze dell’ordine sono rimasti feriti a vario titolo e gravità, oggi a TO, perché gli basta pensare alla macelleria messicana che quella stessa gentaglia ha messo in piedi dodici anni fa al G8 di Genova, e in innumerevoli altre occasioni, rimanendo francamente impunita.

Il sottoscritto, che può soltanto guardare, dice: continuate col buon lavoro ragazzi, continuate così. <3

Quando un governo non fa ciò che vuole il popolo, va cacciato anche con mazze e pietre.

 
2 commenti

Pubblicato da su 9 dicembre 2013 in Generale

 

Tag:

Cena proletaria & una buona notizia

Bene, stasera in frigo non c’è un cazzo; per riuscire a mettere qualcosa in tavola, abbiamo rispolverato un piatto povero che mia nonna preparava a mio padre quando, negli anni ’60, faceva il meccanico dei telai: la ricetta può sembrare schifosetta a leggerla, ma se vi fidate, vi garantisco che tirerete fuori un piatto diverso dal solito che vi permetterà di fare bella figura agli occhi di chi è abituato a preparazioni più rffinate…oltre ad offrirvi una ottima via di fuga nel caso siate invitati ad un pranzo o una cena in un centro sociale (quelle dove ti porti da mangiare e da bere, per capirci, e lo condividi col pueblo unido).

Leggi il resto

 
2 commenti

Pubblicato da su 9 dicembre 2013 in Cose utili, Ricette

 

Tag: ,

Il Coniglio del Venerdì #2 – coniglio in umido con patate

…stavo quasi per dimenticarmene x.x vabbè sono ancora in tempo per rimediare d.d oggi vi propongo un ottimo modo per far sparire una salma di coniglio: fatta a pezzi, con patate e olive *_______* eliminare le prove di un delitto efferato non è mai stato così gustoso!

Leggi il resto

 
1 Commento

Pubblicato da su 6 dicembre 2013 in Il Coniglio del Venerdì, Ricette

 

Tag: ,